Obiettivi

Riferimento di base è il Patrimonio Culturale Immateriale, non solo quello antico ma anche il contemporaneo, la musica in particolare ed i suoi legami (danza e letteratura) debitamente integrato nel contesto socio economico politico ed ambientale, nella sequenza dei più significativi sviluppi storici pregressi. Più approfondita intende essere la disamina della realtà contemporanea, quale essenziale riferimento per traguardare i successivi più opportuni sviluppi, che potranno derivare proprio dal confronto tra le diverse esperienze.


Obiettivi

Nei nostri progetti la musica e le tradizioni artistiche in genere costituiscono la chiave di lettura del contesto trattato; ciò rende possibile un “immedesimarsi” in quel determinato momento, riviverne le emozioni, i rapporti sociali, le tensioni produttive ed economiche, le modalità di rapportarsi col patrimonio storico-architettonico, con le valenze paesaggistiche ed ambientali in genere, ecc. Di sottofondo il richiamo a quei principi di “sostenibilità” da sempre quantomeno impliciti anche se solo nella contemporaneità formalmente precisati ed espressi. Processi di sviluppo da sempre accompagnati dalla ricerca, dall’innovazione, volti a consentire livelli di “qualità della vita” più appropriati, ove il binomio uomo-territorio si prospetta più intimo ed accessibile e sempre più indipendente dalle limitazioni fisiche e biologiche legate alla salute ed all’avanzare degli anni.


Obiettivi

Cultura

Essenzialmente significa “conoscenza”. Nelle diverse situazioni e tradizioni è sempre stata rapportata quantomeno prevalentemente all’ambito di interesse dei rapporti locali. È sempre stata pertanto condizionata dalle politiche del momento. In oggi, anche per lo sviluppo dei sistemi multimediali l’informazione è resa accessibile nelle sue potenzialità. Solo però attraverso il concreto interscambio delle differenti realtà la veridicita’ dell’informazione può trovare una radicazione profonda con le sue rispettive caratterizzazioni.

Ricerca

Si tratta di realizzare Vere e proprie “Creazioni Artistiche” attraverso la costruzione e sviluppo di Laboratori di ricerca tematici mirati alla realizzazione di differenti prodotti; quindi caratterizzati da adeguati livelli di autonomia, ma al tempo stesso tra loro connessi in termini di reciprocità nella trasmissione di informazioni che possono avere utilizzi comuni.

Varie sono le fonti da cui attingere ma non tutte sono autentiche: le antiche usanze, i rapporti con l’ambiente, con la situazione del contesto culturale, sociale, politico e religioso dei diversi periodi, le modalità di rappresentazione del “vissuto” nella musica, nelle danze, nelle poesie, nelle letterature, nelle diverse forme (non solo scritte) di comunicazione…

Si presenta come un quadro la cui composizione è al tempo stesso ardua ed affascinante, … una indispensabile base di partenza per ricostruire, in una chiave di lettura di valenza scientifica, un percorso storico che non considera solo una cronologia di eventi, ma che intende “far rivivere” le pulsazioni umane singole e collettive nel loro successivo avvicendarsi.

La Musica, in tale contesto, rappresenta il filo conduttore comune, lo spartito che, reinterpretando l’evolversi della tradizione del passato, da una parte ne sintetizza i valori e li rende leggibili ed accessibili a letture diverse, che già trovano punti di incontro su criteri, metodi e tecnologie di rappresentazione internazionali. Nel contempo apre detti valori a prospettive nuove, a rapporti e confronti più ampi e profondi.


Ricerca

Comunicazione

Sulla “Comunicazione” occorre operare con particolare impegno, considerando tale termine essenziale per consentire un reale processo partecipativo di quelli che dovranno essere i veri e propri destinatari delle azioni e dei progetti realizzati.

Vale la pena ricordare che un qualsivoglia processo partecipativo tra più soggetti, per essere efficace, deve avere quale presupposto la unanime conoscenza della fattispecie trattata (conoscenza che a volte richiede la preventiva realizzazione di percorsi formativi).

Certamente tale conoscenza non può sussistere se la comunicazione non rende accessibile l’informazione e se infine un adeguato processo di sensibilizzazione non possa portare le parti in causa a considerare e valutare tale informazione. Pur a diversi livelli di approfondimento, relazionati alle tipologie di destinatari, (e conseguenti tecniche di approccio impostate secondo differenti livelli di rigore scientifico) si intende determinare le inevitabili scelte di “restituzione” e riaggregazione dei risultati della “Ricerca” in relazione ai maggiori indici di gradimento preventivamente indagati e monitorati.

Formazione

Va considerata la complessità ed eterogeneità delle variabili che determinano e condizionano i processi di sviluppo sociali, culturali ed economici; solo la messa a sistema di processi partecipativi integrati tra le differenti realtà che, a vario titolo ed ai corrispondenti livelli di riferimento, sono impegnate nei processi decisionali può garantire un percorso formativo sempre aggiornato e dinamico. Percorso che deve tener conto, in tempo reale, delle inevitabili variazioni del contesto e delle sue interdipendenze con l’esterno.

Qualità della Vita

In coerenza ai principi fondativi delle attuali politiche di governo del territorio, la “vision” complessiva di ogni attività deve traguardare la sostenibilità declinata sotto l’aspetto sia ecologico che sociale ed economico. Nella fattispecie C. R. C. World intende porre un particolare contributo a quell’aspetto che vede la persona quale principale riferimento. In tale ottica è possibile operare sia direttamente (es. Musicoterapia e Danzaterapia) che favorendo nuove attività attraverso eventi e progetti che determinano crescite sociali ed economiche.