Consulenti Senior

Pietro Ugolini

Urban Planning

“C.R.C. World mira alla costruzione di un ponte culturale-artistico tra due realtà cha hanno “fatto la storia”, persegue la riscoperta di quel comune denominatore che, in condizioni ambientali diverse ha saputo forgiare le volontà ed indirizzare le intelligenze per un fruttuoso sviluppo culturale e sociale delle rispettive realtà.
L’Italia è, per più specifiche affinità storico, culturali ed artistiche col mondo arabo, tramite di interscambio e reinterpretazione della cultura e tradizioni delle due diverse realtà.”

Presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Genova titolare di 9 diverse materie urbanistiche in 5 Corsi di Laurea (Civile-Ambientale-Edile) – Presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano: Incarico per affidamento di tre differenti insegnamenti (7 anni). Ha diretto per sette anni il CRUIE (Centro di Ricerca per l’Urbanistica, le Infrastrutture e l’Ecologia) aderenti più di 40 docenti di differenti specializzazioni mantenendone successivamente il coordinamento. Ha partecipato a numerosi progetti su Bandi Comunitari essendo responsabile o coordinatore di 17 di questi. Già membro di altri Centri di Ricerca Universitari sui trasporti (CIRT) e sull’ambiente (CIMA). Membro del Collegio in due Dottorati di Ricerca (a Genova e a Brescia) e Tutor di numerose Tesi di dottorato. Membro di numerose Commissioni e relatore in convegni nazionali ed internazionali. Autore di più di 110 pubblicazioni. Consulente di Organismi a livello sia nazionale (Confindustria) che di emanazione della Regione Liguria. Per questi ultimi ha svolto attività sia di competenza che di indirizzo e coordinamento, ha seguito 9 interventi di recupero e riqualificazione di centri storici e periferie urbane, oltre a rilocalizzazioni di insediamenti produttivi, diagnosi preventive ad interventi edilizi sul costruito storico, utilizzo energie rinnovabili. In Convenzioni Università – Enti Territoriali ha effettuato Studi di fattibilità su temi infrastrutturali e logistici e inerenti il tema della sostenibilità a scala urbana. È Presidente della Sezione Ligure della AITT (Associazione Ingegneria del Traffico e dei Trasporti) membro della Società Italiana degli Urbanisti. Ha svolto incarichi come CTU (Consulente Tecnico d’Ufficio) del Tribunale di Genova.

Pietro Ugolini

Riad Ismat

Writer and Theater Director

“Il patrimonio immateriale non appartiene al passato; è indirizzato al futuro, così da incoraggiare le nuove generazioni a conservare la loro identità ed esserne orgogliosi.
Solo le arti possono far rivivere il patrimonio immateriale in modo nuovo, toccante e affascinante, riportando in luce le antiche civiltà, trascendendo dai solidi muri dei musei e scavando nel profondo dell’animo umano.”

Professore invitato al Buffett Institute, Professore lettore alla Northwestern University’s School of Communication e Former Professor al North Central College, Naperville. Scrittore di racconti pluripremiato e acclamato drammaturgo nel mondo arabo, compone 12 drammi, 6 collezioni di racconti e 17 libri di critica dell’arte e letteratura. È stato Ministro della Cultura in Siria (Da ottobre 2010 a Giugno 2012) ed Ambasciatore, Direttore Generale della State Radio & TV, Rettore dell’Accademia delle Arti Drammatiche.
Nel corso della sua carriera ha sottolineato l’importanza di colmare i divari tra le culture evidenziando un approccio sperimentale ed innovativo circa il patrimonio arabo, chiedendo la democrazia e la libertà del valore umano e condannando il totalitarismo che mette a tacere i diritti di espressione.

Riad Ismat

Francesco Ernani

Cultural Administration

“Lavorare intensamente per molti anni presso istituzioni artistiche nelle quali le capacità, le competenze e la formazione professionale hanno una fondamentale rilevanza, mi ha consentito di trovare conferma di ciò in cui ho creduto sin da giovane: gli aspetti culturali, in particolar modo artistici, dei diversi popoli, costituiscono delle vere e proprie risorse, in particolare quando sono accompagnate dalla creatività unita allo studio appassionato, al lavoro costante e generoso. L’arte e la cultura sono un vero e proprio ponte tra le diverse aree geografiche del nostro mondo, una sorta di linguaggio universale e simbolico capace di rendere più vicini anche popoli lontani. Sono convinto dunque che il legame tra la cultura e la ricerca, così come è inteso da C.R.C.World, potrà realizzare una comunicazione concreta tra le ricche civiltà umane. Sarà un efficace cammino di incontro e condivisione teso ad aprire percorsi di vera educazione e formazione culturale, soprattutto per le nuove generazioni”.

Ha ricoperto molti incarichi, come sovrintendente al Carlo Felice di Genova, al Maggio Musicale di Firenze, all’Opera di Roma, all’Arena di Verona, al Comunale di Bologna, all’Orchestra Sinfonica Siciliana e come segretario generale al Teatro alla Scala di Milano. È stato presidente delle associazioni internazionali Teatri Lirici in Italia ed Eurolyrica a Liegi nel Belgio; vicepresidente dell’associazione internazionale OperaEuropa e dell’Unione Regionale dell’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (AGIS); e membro del consiglio direttivo dell’Associazione Nazionale Fondazioni Liriche e Sinfoniche (ANFOLS). Ha realizzato molte pubblicazioni in materia di organizzazione amministrativa e musicale, e in conferenze e lezioni in sedi universitarie che gli hanno fatto conseguire vari riconoscimenti e onorificenze, tra queste, è insignito come Grande Ufficiale al Merito della Repubblica italiana. Ha ricevuto anche l’onorificenza di Primo Grado dell’Ordine dell’Indipendenza del Regno di Giordania, delle Chiavi d’Oro della Città di Osaka (Giappone), l’Encomio del Governo dell’Ucraina per il contributo dato nel campo della collaborazione culturale e molti altri premi internazionali. È stato membro di diversi comitati d’onore e scientifici di consessi e organismi internazionali come l’Elysium-Between Two Continents di New York, l’associazione per l’economia della cultura, il premio Marforio d’Oro, la Fondazione Festival Pucciniano, il Roma Festival Barocco, il Comitato per il centenario di Wanda Osiris, ed altri.

Francesco Ernani

Vivien Hewitt

Writer and Opera Director

“La musica, la danza e la recitazione sono i comuni denominatori universali di tutte le civiltà avanzate: la condivisione della loro ricchezza apre la porta alla comprensione di basi più ampie. Il progetto di C.R.C. World offre una concreta ed unica opportunità per gli artisti e i ricercatori, non solo per tutelare il patrimonio immateriale, ma per rigenerarlo e immetterlo nel futuro stesso, usandolo come uno strumento forza per colmare la distanza esistente tra le diverse radici culturali.”

Vivien è una regista e costume designer che ha collaborato con prestigiosi festival e teatri internazionali come il Puccini Festival, Tokyo Bunka Kai Kan, Seoul Arts Center, National Opera di Beijing, Pearl Opera House in Guanzhou e la Damascus Opera House. Possiede una vasta esperienza come tutor di performance e produzione con l’Accademia del festival Pucciniano, il Teatro Carlo Felice di Genova e l’Accademia Europea di Firenze. Con una forte esperienza di ricerca, è autrice dei libri “La terra di Puccini”, “I teatri di Livorno tra Illuminismo e Risorgimento 1782-1848” e “Caruso, Puccini e il gobbo fiammiferaio”, di vari documentari, sceneggiature e numerosi saggi sul musical teatrale.

Vivien Hewitt

Collaboratori Esperti

Daniele P. De Plano

Film, Television, Stage and Artistic Director

“In un momento così delicato per la pace nel mondo, credo che un progetto ambizioso come quello portato avanti da C.R.C. World possa risultare essenziale per ristabilire un criterio fondamentale per la collaborazione tra i popoli: lo scambio delle culture. È proprio grazie alla conoscenza della diversità che i popoli potranno vivere in simbiosi e godere , gli uni degli altri, delle meraviglie di quanto hanno creato, dell’arte che hanno coltivato, della passione che li ha portati ad essere unici in quel percorso verso la bellezza. Perché fare Cultura significa creare bellezza ed entrare in contatto con culture diverse dalla nostra, significa conoscere una bellezza ancora più grande. Ecco, io credo che la civiltà non possa che passare da questa consapevolezza se vorrà almeno tentare di trovare il cammino verso la felicità.”

Intraprende la sua carriera come regista e dirige molto repertorio operistico internazionale nei Teatri italiani e nel resto del mondo. E’ Docente di Materie Letterarie e collabora presso l’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino formando gli allievi del Maggio Formazione; lavora come Direttore Artistico presso la Fondazione Festival Pucciniano e per Europa Cinema, di cui cura la trentesima edizione. Dirige diversi cortometraggi tra cui “Il regalo di Natale” che vince otre venti premi compreso l’ ambito Nastro d’Argento . Entra con lo stesso nella cinquina del Premio David di Donatello. Realizza un film dal titolo “Ristabbanna” che rappresenta l’Italia all’International Film Festival di Shanghai nel 2011 e vince, nello stesso anno, il Rome Indipendent Film Festival (RIFF). Collabora attivamente con la televisione pubblica italiana (RAI) e cura la regia di molte puntate, oltre quaranta, di “Prima della Prima” (Rai 3 e Rai 5), trasmissione dedicata a raccontare il mondo dell’Opera. Presta il proprio servizio anche per “La musica di Rai3”, (4 speciali musicali realizzati in giro per l’Italia), per “Genialità Italiana (Rai5 che narra la storia d’Italia attraverso i suoi più importanti compositori d’Opera ) e per “Lezioni di suono” ( Rai5-quattro speciali intitolati al grande compositore Salvatore Sciarrino mentre impartisce delle lectio magistralis all’Università di Padova).

Daniele De Plano

Nabil Al Lao

Expert of Literature

“Attraverso la ricerca si possono scoprire nuovi mondi; gli studi svolti a livello internazionale hanno provato che la musica è un elemento fondamentale in ogni tipo di ricerca perchè è il nostro linguaggio universale e può aiutare ad aprire nuovi canali culturali tra l’Europa e il Mondo Arabo.”

Dottorato di Ricerca in Linguistica Applicata presso l’Università di Lione, ha ricoperto rilevanti incarichi nella sua carriera: Professore presso la Facoltà di Lingua e Cultura Francese a Damasco, membro esecutivo del Centro della Ricerca e degli Studi Scientifici a Damasco e del complesso di Musica Arabo in Cairo.
Membro onorario dell’incontro nazionale di Musica Araba, Presidente dell’Università Internazionale di Scienza e Tecnologia (Al Rashid), responsabile generale del Conservatorio di Musica e dell’Opera House di Damasco.
Ha pubblicato più di 60 ricerche sulla musica classica ed orientale, ed anche due libri.

Nabil Al Lao

Marcello Lippi

Artistic Director, Baritone and Writer

“La terra è popolata di uomini con gli stessi diritti e la stessa dignità e l’arte è il ponte che li collega in una fratellanza spirituale.”

Marcello è attualmente direttore artistico della Fondazione Teatro Verdi di Pisa ed ha ricoperto l’incarico di direttore artistico e sovrintendente del Teatro Sociale di Rovigo. Si è diplomato presso il Conservatorio N. Paganini e laureato in Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Genova.
La sua vasta e nutrita carriera da baritono comincia con successo sin da giovane, vedendolo esibirsi nei teatri mondiali più prestigiosi. Ha realizzato varie pubblicazioni in materia musicale, letteraria e teatrale.

Marcello Lippi

Nasser Ibrahim

Choreographer and Director

“Comunicare con l’altro richiede un linguaggio comprensibile, il quale va ricercato, creato e sviluppato con cura così da poter connettere culture e menti. La fusione della cultura con la ricerca e la comunicazione è una soluzione ideale per far sì che la comprensione sia produttiva e sostenibile.”

Nasser è uno dei coreografi più conosciuti nel Mondo Arabo; ha accumulato nei suoi 30 anni di carriera decine di performance ed operette arabe, 40 spettacoli di danza e più di due mila coreografie per circa 30 canali televisivi famosi. Nel 1993 ha fondato Ornina Arts – Events con la quale ha prodotto e realizzato numerosi spettacoli nel Mondo Arabo.

Nasser Ibrahim

Paolo La Spisa

Expert of Literature

“Le attuali congiunture politiche ed economiche presenti in alcune nazioni potrebbero aggravare l’ambiguità presente nella comunicazione e comprensione sociale, causandone un conseguente divario. C.R.C. World è un progetto di alta qualità che mira a colmare questo vuoto. Persegue l’obiettivo di creare sinergie tra il Mediterraneo, l’Area del Golfo e l’Europa attraverso la creazione di un ponte culturale in grado di abbattere vecchie e nuove barriere psicologiche, immettendo le diverse culture in un unico percorso che possa estraniarle dall’attuale situazione di stallo.”

Professore Associato in Lingua e Letteratura araba presso l’Università di Firenze, ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Lingue e Culture del Mediterraneo nel 2006.
Specializzatosi all’Institut Français du Proche Orient (IFPO, Damasco), è stato Marie Curie Fellow presso l’Université Catholique de Louvain (UCL, Louvain-la-Neuve, Belgio) e ricercatore all’Università di Genova.
È autore di molteplici pubblicazioni accademiche circa la linguistica, la filologia e la letteratura araba. È membro del Gruppo di Ricerca Arabo Cristiana (GRAC) e collaboratore scientifico presso l’Université Catholique de Louvain (UCL).

Paolo La Spisa

Salim Dada

Musicologist and Composer

I compiti dei canali politici e diplomatici mirati allo sviluppo dei legami e delle conoscenze tra i popoli potrebbero fallire, mentre i ponti di fratellanza ed amore sono garantiti tramite la cultura, l’arte e la scienza. Da essi è possibile estrarre la ricchezza della varietà dell’essere umano.

Salim Dada è membro compositore della SACEM, ha lavorato su circa ottanta composizioni: lavori sinfonici, musica da camera, canzoni ed ensemble arabi tradizionali, brani solistici (chitarra, pianoforte, clavicembalo, sassofono, violino, arpa, oud, ecc), musica da film, teatro, musica per bambini e materiale didattico.
Questi lavori sono stati premiati e presentati in molti paesi del mondo: Algeria, Francia, Italia, Germania, Spagna, Olanda, Stati Uniti d’America, Argentina, Qatar, Siria, Palestina, Giordania, Egitto, Tunisia e Marocco.

La nomina di Salim Dada nel 2007 di “Composer in Residence” della National Symphony Orchestra in Algeria ha permesso di realizzare le sue idee musicali e definire le sue scelte estetiche.
Oltre il Dottorato di Ricerca in Medicina Generale della Facoltà di Algeri, ha conseguito un Master ed il Dottorato di Ricerca in Musica e Musicologia presso l’Università di Paris IV Sorbonne.
Ha scritto due articoli di ricerca: “Le tradizioni musicali in Azerbaigian patrimonio e sviluppo” e “La polifonia orchestrale e l’evoluzione della musica orientale: il caso di mugams sinfonici in Fikret Amirov”, diretto da Jean-Jacques Velly.

 

Salim Dada

Alessandro Braghieri

Architect

“Il paesaggio e le sue architetture sono il palcoscenico sul quale vanno in scena le vite dei singoli e dei popoli, in un continuo mutuo scambio, nel tempo e nello spazio. L’ambiente culturale e quello fisico sono quindi strettamente connessi e contribuiscono ciascuno alla “forma” dell’altro. Il patrimonio immateriale si è quindi formato e si forma all’interno di un patrimonio materiale e quest’ultimo è trasformato e si trasforma giorno dopo giorno in conseguenza del primo, in un continuum che è la storia. Il “genius loci” (spirito del luogo) fa sintesi del luogo fisico e del luogo culturale. Nessuna arte può sussistere senza un luogo, fisico e culturale, che la genera, che la accoglie e che ne è prima permeato e poi plasmato. L’illuminato progetto di C.R.C.World non può non tenere conto di questo.”

Alessandro si occupa di progettazione architettonica, di restauro dei monumenti e di urbanistica, disciplina nella quale ha conseguito il Dottorato di ricerca presso l’Università di Brescia e che insegna come professore a contratto presso la Scuola Politecnica dell’Università di Genova. Nello stesso Ateneo, ha collaborato per alcuni anni anche ai corsi di restauro architettonico, di museografia e di scenografia della Facoltà di Architettura. È autore di diverse pubblicazioni negli ambiti disciplinari dell’urbanistica e del restauro architettonico e partecipa attivamente, con relazioni a convegni e pubblicazioni, al dibattito sulla progettazione degli edifici di culto nella città contemporanea, tema sul quale ha conseguito un Master presso l’Università di Bologna.

Alessandro Braghieri

Onofrio Claudio Gallina

Music System Development

“Anche se viviamo in un mondo confuso e in preda a falsi valori, la musica può e deve essere la chiave per avvicinare popoli e culture diverse. Di certo non è la soluzione ai problemi che affliggono la terra, ma proprio perché è un linguaggio che colpisce la sensibilità di ogni essere umano non importa il colore o la lingua che parla, ci rende tutti più vicini.”

Onofrio Claudio Gallina è il vicedirettore del Conservatorio di Agrigento (Sicilia) e il fondatore della “Filarmonica Città di Agrigento.
Pianista e direttore d’orchestra, è stato vincitore di svariati premi in concorsi nazionali ed internazionali. Si è esibito in entrambi i ruoli in molti teatri italiani ed europei ed ha lavorato come assistente del direttore Marco Balderi, il fondatore di “L’Opera in Piccolo” , con il quale ha ampliato la sua conoscenza del repertorio italiano del Belcanto.
Ha eseguito oltre 25 opere tra Belcanto italiano e la musica temporanea, ed è stato un membro regolare di giuria in numerosi concorsi di canto e pianoforte internazionali. Ha lavorato come direttore artistico in varie occasioni (Fondazione Teatro Luigi Pirandello – Teatro Valle dei Templi).

Onofrio Claudio Gallina

Giuseppe Francese

Orchestral System Development

“Confido in una sola speranza per l’umanità: la ricchezza culturale dei popoli e la loro integrazione.”

Svolge una intensa attività didattica ed artistica in prestigiose
Fondazioni, Teatri ed Orchestre tra cui il Teatro Carlo Felice di
Genova, il Teatro La Fenice di Venezia, l’Accademia di Santa Cecilia di
Roma, l’Orchestra del Governo di Macao in Cina, la Saarlandisches
Staatstheater di Saarbrucken in Germania, il Teatro Lirico di Cagliari e
la Fondazione A. Toscanini di Parma.
Laureato in Giurisprudenza con tesi in Diritto Amministrativo dal titolo
“Le Fondazioni lirico-sinfoniche” ha partecipato allo sviluppo ed alla
realizzazione di progetti di cooperazione internazionale finanziati
dalla EU.

Giuseppe Francese

Alessio Merlo

Informatics Research

“Lo sviluppo di un ponte culturale tra Europa e Mondo Arabo è la chiave per aprire le porte della fratellanza.”

Alessio Merlo, Ph.D. in Informatica 2010, è un ricercatore presso il DIBRIS, Università di Genova, dove si occupa di Sicurezza Informatica e Sistemi Operativi.
Nel 2012 ha contribuito alla scoperta alcune pericolose vulnerabilità nel sistema operativo mobile Android, mentre nel 2013 ha partecipato ad un gruppo di ricerca per l’analisi di sicurezza di protocolli GSM ed UMTS, scoprendo una pericolosa vulnerabilità in tali protocolli.
I suoi interessi di ricerca si focalizzano sullo studio di problematiche di sicurezza in ambito mobile, web e distribuito, sull’analisi di sicurezza di sistemi ICT e sulla definizione di nuove soluzioni di sicurezza per paradigmi computazionali emergenti (e.g, Cloud Computing, Fog Computing).

Alessio Merlo

Flavia De Camillis

Translation studies

“Alcune persone sono convinte che le lingue siano semplici codici. In fin dei conti qual è la differenza tra lettere, numeri, note musicali, movimenti e colori se l’essere umano non fa altro che trasmetterli? Traduttori, programmatori, matematici così come musicisti, ballerini e pittori non sono quindi che meri interpreti di una lingua. Forse tra 30 anni il loro lavoro potrà essere svolto da macchine. O forse no. Forse tutte le lingue del mondo e tutti quei professionisti esistono per dimostrare che un codice non è che la base della comunicazione, il suo inizio: con il codice non si trasmette, ma si crea. Per questa ragione quei professionisti e molti altri come loro hanno il dovere, non solo il diritto, di continuare a creare nuova vita.”

Flavia De Camillis lavora come traduttrice e terminologa presso l’Istituto di comunicazione specialistica e plurilinguismo del centro di ricerca EURAC a Bolzano/Bozen, Italia, in un gruppo di ricercatori internazionali che, dal 1992, si impegna nella normazione della terminologia giuridica in un’area bilingue.
È laureata magistrale in Traduzione specializzata presso l’Università di Bologna (madrelingua: Italiano, lingue di lavoro: spagnolo, tedesco).

Flavia De Camillis

Collaboratori Junior

Marta Cicu

Artistic Coordinator

“Miriamo a creare un canale di incontro e condivisione a vari livelli che possa valorizzare le tradizioni appartenenti alle società italiana e araba con l’obiettivo di generare opportunità per far sì che questi abitanti del Mediterraneo possano riscoprirsi a vicenda, mettendo in luce il rispettivo bagaglio artistico e culturale.
Le arti tutte rispecchiano la voce naturale della società e si rivelano un potente ed efficace mezzo comunicativo dotato di libertà di espressione, che diviene canale emotivo e si presta come momento di incontro e di scambio che favorisce complicità e unione.”

Marta è Docente di Tecnica della Danza Classica nei Licei Coreutici Italiani ed è laureata di II livello al Biennio Specialistico per Insegnanti delle Discipline Coreutiche presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma. È laureata di I livello in Lettere Moderne presso l’Università Degli Studi di Sassari.

Marta Cicu

Mirna Kassis

Cultural Promotion Manager

“Viviamo in una società in cui la comunicazione rappresenta il futuro, dove lo scambio di esperienze è alla base di ogni progetto socio-culturale.
La creazione di un ponte artistico e culturale italo-arabo e la definizione di obiettivi da perseguire quali la valorizzazione delle reciproche società è scopo integrante del nostro progetto; crediamo in un futuro fatto di tradizioni riscoperte e messe in luce attraverso le innovazioni e le tecnologie che il presente ci offre.”

Mirna è un Mezzosoprano lirico ed una cantante di musica orientale; è laureata presso l’Istituto Superiore di Musica di Damasco e sta preparando la tesi per la laurea di II livello al Conservatorio di Musica “Niccolò Paganini” di Genova.

Mirna Kassis

Salah Namek

Music Services – Executive

“La musica ha un grande potere: ti riporta indietro nel momento stesso in cui ti porta avanti, così che provi, contemporaneamente, nostalgia e speranza. Il nostro obiettivo è la costruzione di un canale comunicativo fatto di arti e cultura tra Italia e Mondo Arabo, dove la musica è un suono costante, che lega ogni passaggio e ne valorizza le rispettive diversità: la saggezza è saper stare con la differenza senza voler eliminare la differenza.”

Salah è un violoncellista di musica classica ed orientale: è laureato presso l’Istituto Superiore di Musica di Damasco e sta preparando la tesi per la laurea di II livello al Conservatorio di Musica “Niccolò Paganini” di Genova.

Salah Namek

Ilham Ksebi

Management consulting

“Sono fermamente convinta che lo sviluppo dei ponti culturali tra il Mondo Arabo e l’Europa sia diventato una necessità. Sfruttandolo come canale comunicativo i popoli di oggi non solo potranno interfacciarsi, ma avranno accesso ad un insieme di linguaggi comunicativi più aggiornati ed allo stesso tempo originali.”

Ilham attualmente sta svolgendo un dottorato di ricerca nell’ambito economico presso l’Università di Genova. Ha conseguito il Master in Business Administration presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e si è laureata in Economia presso l’Università di Damasco.

Ilham Ksebi